Patente a Punti


Ogni titolare di patente ha in dotazione 20 punti.
Se si commettono infrazioni al codice stradale di una certa gravità, oltre ad una sanzione amministrativa e ad un eventuale provvedimento sulla patente o sulla carta di circolazione è prevista la decurtazione di un certo numero di punti.
La corrispondenza tra infrazioni e punti decurtati (tolti) è presente nella
tabella allegata all'art. 126 bis del codice stradale.

Chi esaurisce tutti i punti deve rifare gli esami per la patente (revisione). Chi commette infrazioni, ma nei due anni successivi non ne commette altre comportanti la decurtazione, ha il reintegro completo dei 20 punti. Chi non commette nessuna infrazione, ad ogni biennio avrà due punti in più, fino ad un massimo di 30 punti complessivi. Per conoscere il punteggio associato alla propria patente, è possibile telefonare al numero 848782782 o consultare il sito internet http://www.ilportaledellautomobilista.it/.

Chi commette più infrazioni in una volta sola, può perdere al massimo 15 punti, purché un'infrazione non comporti la sospensione o revoca della patente. È la comunicazione del CED (Centro Elaborazione Dati) del Ministero dei Trasporti, che comunica ufficialmente la decurtazione dei punti, e che autorizza alla frequenza di un corso di recupero

Solo con la comunicazione del CED (Centro Elaborazione Dati) del Ministero dei Trasporti, il documento che comunica ufficialmente la decurtazione dei punti, si può avere l'autorizzazione alla frequenza di un corso di recupero dei punti.


Recupero Punti                                               Torna Su


I corsi sono diversi a seconda del tipo di patente posseduta:

  • il corso rivolto ai titolari di patente A e B dura 12 ore e permette di riottenere 6 punti;

  • il corso rivolto ai titolari di patente C, D, CE, DE, KA e KB dura 18 ore e permette di riottenere 9 punti;

  • il corso rivolto ai titolari di CQC dura 20 ore e permette di riottenere 20 punti.

Il reintegro dei punti decorre dalla data di rilascio dell'attestato di frequenza al corso. La legge 120/2010 ha previsto, a breve, l'obbligo di un esame al termine del corso. Al momento però non si sa nulla di preciso.


Decurtazione Punti                                         Torna Su


Rimandando alla lettura delle circolari riportate a fondo pagina, per ogni ulteriore dubbio, cerchiamo di spiegare in sintesi come funziona il meccanismo della decurtazione dei punti nei casi più complessi.

La corrispondenza tra infrazioni e punti decurtati (tolti) è presente nella tabella allegata all'art. 126 bis del codice stradale.

Chi esaurisce tutti i punti deve rifare gli esami per la patente (revisione). Chi commette infrazioni, ma nei due anni successivi non ne commette altre comportanti la decurtazione, ha il reintegro completo dei 20 punti. Chi non commette nessuna infrazione, ad ogni biennio avrà due punti in più, fino ad un massimo di 30 punti complessivi. Per conoscere il punteggio associato alla propria patente, è possibile telefonare al numero 848782782 o consultare il sito internet http://www.ilportaledellautomobilista.it/.

Chi commette più infrazioni in una volta sola, può perdere al massimo 15 punti, purché un'infrazione non comporti la sospensione o revoca della patente.


Cosa succede ai conducenti titolari di patente estera?

Il Ministero ha attivato una sezione speciale dell'Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida destinata a contenere le generalità dei conducenti stranieri che hanno commesso nel territorio italiano violazioni che comportano la perdita di punti.

Di conseguenza, gli agenti addetti al controllo mandano una comunicazione all'Anagrafe nazionale dei conducenti che decide poi caso per caso. Ci sono infatti Paesi che ancora non hanno messo a punto una disciplina simile mentre altri hanno meccanismi simili, insomma la casistica è molto ampia.


Decurtazione dei punti nei confronti di titolare identificato successivamente

In tutti i casi in cui l’infrazione non è stata notificata subito, cioè gli agenti non hanno fermato subito il conducente dopo l’infrazione e hanno mandato la multa a casa del proprietario del veicolo, non c’è la certezza matematica che chi stava guidando in quel momento fosse proprio il proprietario del veicolo.

Dunque, nel caso di infrazioni che comportano la decurtazione dei punti (es. eccesso di velocità) insieme al verbale inviano per posta un modulo per invitare il proprietario a comunicare chi era effettivamente alla guida al momento dell’accertamento in modo da togliere i punti all’effettivo trasgressore.

Dunque i casi possibili sono 4:

  • se il proprietario stava guidando il veicolo, paga la multa e perde i punti

  • se il proprietario non è responsabile e sa chi stava guidando in quel momento, paga la multa e compila una dichiarazione facendola firmare anche dalla persona che era effettivamente alla guida

  • se il proprietario non è responsabile e sa chi stava guidando in quel momento, paga la multa e compila una dichiarazione in cui comunica le generalità del conducente, anche se lui non vuole firmarla. In questo caso il verbale verrà comunque notificato alla persona indicata dal proprietario come

  • se il proprietario non è responsabile e NON sa chi stava guidando in quel momento, paga la multa lo stesso e perde i punti

Questo ci dice una cosa importante: che il proprietario deve sapere il numero della patente della persona a cui presta il veicolo, ma questo sembra essere il minimo! Il proprietario deve sapere a chi dà il suo veicolo, altrimenti può essere accusato di "incauto affidamento".


Infrazioni Comuni                   Torna Su


Ma se io ho il polso slogato posso guidare lo stesso? Ed al semaforo devo spegnere l'auto? Cosa rischio se voglio fare di testa mia? Sono di questo tipo molti dubbi dei nostri navigatori, ai quali abbiamo voluto rendere le cose più chiare con questa tabella. Per avere il quadro completo si deve cliccare sul link che porta alla lettura del codice stradale, che è quello che stabilisce il tipo e l'entità del provvedimento in caso di comportamenti scorretti da parte dei conducenti. La tabella non contiene tutte le situazioni possibili ma solo quelle più frequenti.

Infrazioni più comuni da parte di conducenti con patente A o B

Infrazione

Sanzione e altri provvedimenti

Codice della Strada

Mancata revisione del veicolo

euro 169

Art. 80

Guida senza patente

euro 2257 + 389 euro al proprietario del veicolo per incauto affidamento

Art. 116

Patente non rinnovata

euro 155 + ritiro della patente

Art. 126

Guida con un braccio rotto (o simili) – mancanza temporanea di requisiti fisici e/o psichici

euro 85

Art. 115

Divieto di sosta

euro 41

Art. 157

Tenere il motore acceso durante la sosta

euro 218

Art. 157

Mancata esibizione del disco orario

euro 41

Art. 157

Eccesso di velocità  (fino a 40 km/h)

euro 169

Art. 142

Eccesso di velocità (tra i 40 e i 60 km/h)

euro 531 più la sospensione della patente da 1 a 3 mesi; per i neopatentati la sospensione va da 3 a sei mesi. In caso di recidiva c'è la sospensione della patente da 8 a 18 mesi.

Art. 142

Eccesso di velocità (oltre i 60 km/h)

euro 828 più la sospensione della patente da 6 a 12 mesi. In caso di recidiva c'è la revoca della patente.

Art. 142

Guida pericolosa (es. gara di velocità non autorizzata)

euro 5000 più l'arresto

Art. 9 ter

Guida senza casco

euro 81 + fermo del veicolo

Art. 171

Guida senza cinture di sicurezza

euro 81 (in caso di recidiva c'è la sospensione della patente)

Art. 172

Guida con uso di cellulari

euro 161 (in caso di recidiva c'è la sospensione della patente)

Art. 173

Guida senza lenti (con obbligo sulla patente)

euro 81

Art. 173

Guida in stato di ebbrezza

dipende dal tasso di alcool nel sangue, comunque la sanzione minima è di 531 euro più la sospensione della patente.

Art. 186

Infrazioni più comuni da parte dei conducenti professionali

Infrazione

Sanzione e altri provvedimenti

Codice della Strada

Eccesso di velocità (fino a 40 km/h)

euro 169 x 2 (multa raddoppiata per conducenti di veicoli professionali)

Art. 142

Eccesso di velocità (tra i 40 e i 60 km/h)

euro 531 x 2 (multa raddoppiata per conducenti di veicoli professionali)
più la sospensione della patente da 2 a 6 mesi.

Art. 142

Eccesso di velocità (oltre i 60 km/h)

euro 828 x 2 (multa raddoppiata per conducenti di veicoli professionali) più la sospensione della patente da 12 a 24 mesi.

Art. 142

Guida con patente ma senza CAP o CQC

euro 400 più fermo amministrativo del veicolo

Art. 116

Guida sotto l'influenza di alcool

dipende dal tasso di alcool nel sangue, comunque la sanzione minima è di 164 euro. La patente è sempre revocata con tasso di alcol superiore a 1,5 grammi per litro



III'15