Patenti Superiori



Le patenti di categoria superiore sono le patenti C1, C, D1 e D.

Le patenti C1 e C sono le patenti dei camionisti, quelle che permettono di guidare autocarri per trasporto cose, mentre le patenti D1 e D sono quelle degli autisti di autobus. Per guidare di professione non è sufficiente conseguire una patente superiore, ma occorre anche avere la carta di qualificazione del conducente (CQC), un attestato che comprova la capacità professionale dell'autista. La CQC sostituisce i vecchi KC e KD. Per guidare taxi o motocarrozzette sono invece "sopravvissuti" il KB e il KA.


Patente C - C1                       Torna Su


La patente C è la patente più richiesta tra quelle professionali perché abilita alla guida dei "camion" ovvero dei veicoli adibiti al trasporto cose in conto proprio (per il trasporto professionale invece adesso è richiesta, in aggiunta alla patente C, anche la CQC merci). Dal 19 gennaio 2013, per guidare camion di limitato tonnellaggio, è possibile conseguire la patente C1, che è una patente dunque "più piccola" rispetto alla C. La patente C "contiene" la patente B e la patente C1.

Età minima:
A 18 anni non si possono guidare subito tutti i mezzi pesanti, a meno di conseguire insieme la CQC trasporto cose con formazione ordinaria. Diversamente occorre aspettare di compiere 21 anni.
Per conseguire la C1 e la C occorre avere la patente B. Sia l'esame teorico che l'esame pratico però sono diversi da quelli della patente B, per questo motivo occorre sostenerli entrambi.
Età massima:
le patenti C1, C1E, C e CE valgono 5 anni fino al compimento dei 65 anni; dopo il compimento dei 65 anni queste patenti prendono due strade diverse. Per informazioni sul rinnovo si può consultare anche la pagina sul rinnovo della patente.
Chi ha la patente C1, C1E e C dopo i 65 anni deve rinnovarla ogni 2 anni presso la CML. Chi ha la patente CE, dopo i 65 anni, se vuole continuare a guidare autotreni e autoarticolati di massa complessiva a pieno carico superiore a 20 t, può farlo fino a 68 anni, ma rinnovando la patente ogni anno presso la CML. Dopo i 68 anni la patente CE viene declassata a patente C.

Veicoli che si possono guidare con la patente C:

  • veicoli della categoria B;

  • autoveicoli per trasporto di cose (e non di persone, sono dunque esclusi gli autobus) aventi massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate, anche trainanti un rimorchio leggero

Veicoli che si possono guidare con la patente C1:

  • veicoli della categoria B;

  • autoveicoli per trasporto di cose (e non di persone, sono dunque esclusi gli autobus) aventi massa complessiva a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate e fino a 7,5 tonnellate, anche trainanti un rimorchio leggero;

  • macchine operatrici eccezionali.


Patente D – D1                        Torna Su


La patente D abilita alla guida di autoveicoli per trasporto di persone con numero di posti superiori a 9 compreso quello del conducente (autobus), ma solo in uso proprio. Per guidare autobus e scuolabus occorre conseguire adesso, la CQC persone. Una volta occorreva possedere la patente B da almeno 12 mesi o la C da 6 mesi, ma per rispettare la Direttive 91/439/CEE tale comma è stato abrogato, anche se rimane obbligatorio avere la B prima della D.

Da gennaio 2013 esiste anche la patente D1, che è una patente "più piccola" rispetto alla D, ovvero permette di guidare autobus limitati di dimensione, i cosiddetti "minibus" che sono autobus con numero di posti superiori a 8, oltre a quello del conducente, ma inferiore a 16.

Età minima:
21 anni per la patente D1
24 anni per la patente D (l'età minima scende a 21 anche nel caso della patente D se si consegue insieme la CQC persone)

Età massima:
la patente D deve essere rinnovata ogni 5 anni fino a 60 anni di età, poi ogni anno presso la Commissione Medica Locale fino ai 68 anni; dopo non è più possibile guidare autobus e la patente D viene declassata a patente C. Può essere utile anche leggere la pagina sul rinnovo della patente.


Veicoli che si possono guidare con la patente D:

  • veicoli della categoria B;

  • autoveicoli per trasporto di persone (autobus e filobus) con numero di posti totali superiore a 9 ad uso proprio, anche trainanti un rimorchio leggero.

Veicoli che si possono guidare con la patente D1:

  • veicoli della categoria B;

  • autoveicoli per trasporto di persone (autobus e filobus) con numero di posti totali superiore a 9 e inferiori a 17 (posto del conducente compreso) ad uso proprio, anche trainanti un rimorchio leggero.


Estensione E                            Torna Su


Si tratta di un'estensione delle patenti B, C1, C, D1 e D che permette il traino di rimorchi e semirimorchi non leggeri (ovvero di massa massima autorizzata superiore a 750 kg) ai veicoli per i quali si è ottenuta l'abilitazione di guida.

L'estensione si ottiene superando un esame teorico (al momento orale) e un esame pratico su veicolo specifico.

Più nello specifico, con l'estensione E si possono conseguire le seguenti patenti:


B+E

Complessi di veicoli composti da: motrice di categoria B + rimorchio o semirimorchio non leggeri: questi ultimi devono avere massa massima autorizzata non superiore a 3500 kg

C1+E

Complessi di veicoli: motrice di categoria B o C1 + rimorchio o semirimorchio non leggero. La massa autorizzata del complesso non può superare i 12000 kg

C+E

Motrice di categoria C + rimorchio o semirimorchio non leggero

D1+E

Motrice di categoria D1 + rimorchio non leggero

D+E

Motrice di categoria D + rimorchio non leggero


Carta di Qualificazione del Conducente Torna Su


La CQC Persone

è la Carta di Qualificazione del Conducente richiesta ai conducenti che effettuano professionalmente l'autotrasporto di persone (guida di autobus uso terzi e scuolabus): dal 10 settembre 2008 è diventata obbligatoria

Informazioni generali

La CQC Persone vale come KB e KA, fermi restando i limiti anagrafici e le categorie di motocicli alla cui guida abilita la patente posseduta (art. 1 comma 4 del Decreto Ministero Trasporti 17/4/2013) : chi vuole guidare taxi e autoveicoli in servizio NCC non deve, dunque, fare un esame a parte.

Rilascio e rinnovo

Per conseguirla, è necessario seguire un corso di formazione iniziale e superare un esame; per mantenerla, sarà obbligatorio seguire ogni 5 anni anche un corso di formazione periodica. Questo è quanto stabilisce la direttiva 2003/59/CE, e queste dunque sono le regole da rispettare. Il corso di formazione iniziale si può svolgere in due modalità: ordinaria o accelerata. Nel caso della formazione accelerata la durata del corso è minore, ma la CQC conseguita sarà soggetta a delle limitazioni per un certo periodo di tempo.

I corsi della CQC sono organizzati dalle autoscuole e dagli enti accreditati, sono strutturati in una parte comune per tutti gli autisti professionali e in una parte specifica (per trasporto cose e trasporto persone) e prevedono la presenza alternata in aula di tre docenti: un insegnante di scuola guida, un esperto di autotrasporto e uno specialista medico.

Chi ha l'attestato di autotrasportatore può evitare di seguire la parte del corso relativa all'autotrasporto, e chi ha già conseguito la CQC persone può evitare di seguire la parte generale, così come chi ha già conseguito la CQC merci.

Programma d'Esame

L'esame è scritto sotto forma di quiz a risposta multipla e verte sulla verifica della conoscenza degli argomenti affrontati durante il corso, sia quello generale che quello specifico.


La CQC Merci

è la Carta di Qualificazione del Conducente richiesta ai conducenti che effettuano professionalmente l'autotrasporto di cose: dal 10 settembre 2009 è diventata obbligatoria.

Informazioni generali

  • Prima dell'obbligo della CQC, i conducenti erano tenuti solo ad avere la patente C, ed al limite il KC se volevano guidare veicoli al di sopra delle 7,5 t prima dei 21 anni.

  • Prima dell'obbligo della CQC, i conducenti erano tenuti solo ad avere la patente C, ed al limite il KC se volevano guidare veicoli al di sopra delle 7,5 t prima dei 21 anni.

Rilascio e rinnovo

Per conseguirla, è necessario seguire un corso di formazione iniziale e superare un esame; per mantenerla, sarà obbligatorio seguire ogni 5 anni anche un corso di formazione periodica. Questo è quanto stabilisce la direttiva 2003/59/CE, e queste dunque sono le regole da rispettare. Il corso di formazione iniziale si può svolgere in due modalità: ordinaria o accelerata. Nel caso della formazione accelerata la durata del corso è minore, ma la CQC conseguita sarà soggetta a delle limitazioni per un certo periodo di tempo.

I corsi della CQC sono organizzati dalle autoscuole e dagli enti accreditati, sono strutturati in una parte comune per tutti gli autisti professionali e in una parte specifica (per trasporto cose e trasporto persone) e prevedono la presenza alternata in aula di tre docenti: un insegnante di scuola guida, un esperto di autotrasporto e uno specialista medico. Chi ha l'attestato di autotrasportatore può evitare di seguire la parte del corso relativa all'autotrasporto, e chi ha già conseguito la CQC persone può evitare di seguire la parte generale, così come chi ha già conseguito la CQC merci.

Programma d'esame

A seguito del corso, il candidato deve sostenere un esame scritto a quiz sia sulla parte generale che sulla parte specifica, che verte ovviamente sugli argomenti affrontati nel corso.


Tempi di Conseguimento

La carta di qualificazione è conseguita superando uno specifico esame di idoneità cui si è ammessi dopo aver frequentato un corso di formazione di 280 ore (formazione ordinaria) o 140 (formazione accelerata), di cui 20 o 10 ore di esercitazioni pratiche alla guida di veicoli.
I corsi sono organizzati dalle autoscuole, dai consorzi di autoscuole, dagli enti autorizzati.
Ci sono delle eccezioni e delle diminuzioni di orario per chi è già qualificato, ad esempio:

  • Titolari di CQC trasporto cose che vogliono estenderla anche al trasporto persone: 70 ore di teoria (solo parte specifica persone) + 5 ore guida individuale

  • Titolari di CQC trasporto persone che vogliono estenderla anche al trasporto cose: 70 ore di teoria (solo parte specifica cose) + 5 ore guida individuale

  • Titolari di attestato di idoneità professionale all'accesso alla professione di autotrasportatore che vogliono conseguire la CQC: 190 ore di teoria (solo parte generale) + lezioni pratiche

Al termine del corso di formazione viene rilasciato un attestato di frequenza, ed entro un anno dal rilascio dell'attestato (ovvero prima che scada) il candidato può presentare un'istanza per essere ammesso a sostenere le prove di esame.

Nel caso in cui l'attestato di frequenza scada durante l'espletamento delle procedure d'esame, il candidato può comunque svolgere la prova specialistica; in questo caso se non dovesse superare la prova, il candidato dovrà frequentare di nuovo il corso di formazione iniziale e sostenere le due prove (comune e specialistica).

Esame per conseguire la CQC

L'esame si svolge con il metodo dei quiz informatizzati presso l'Ufficio della Motorizzazione civile; la durata di ogni singola prova (comune o specialistica) è 120 minuti e per il superamento della stessa sono consentiti al massimo 6 errori su 60 domande.

Per conseguire la CQC il candidato deve sostenere due prove: una "comune" (valida sia per i candidati che intendono conseguire la CQC per il trasporto di cose che per il trasporto di persone), ed una "specialistica" (cose o persone):
- il candidato deve sostenere prima la parte comune: non è infatti possibile sostenere nello stesso giorno, per lo stesso candidato, gli esami per la parte comune e per la parte specialistica in quanto il sistema deve prima acquisire l’esito della parte comune;
- se il candidato risulta idoneo alla parte comune potrà prenotarsi con la stessa pratica alla parte specialistica;
- se viene respinto alla parte specialistica, dovrà aspettare almeno 30 giorno per poter risostenere la prova, presentando una nuova domanda, senza ripetere la parte comune;
- se supera anche la prova specialistica gli viene rilasciata la CQC

Nelle sedute di esame possono essere prenotati contemporaneamente candidati per il sostenimento della parte comune, della parte specialistica merci e della parte specialistica persone in quanto verranno generati questionari diversi per la parte comune, per la parte specialistica merci e per la parte specialistica persone.


KA - KB                            Torna Su


I certificati KA e KB sono CAP (Certificati di Abilitazione Professionale) obbligatori rispettivamente per la guida professionale di motoveicoli e autovetture.

Più precisamente:

  • il KA è richiesto per la guida di motoveicoli di massa complessiva fino 1,3 t adibiti a servizio pubblico di piazza o noleggio con conducente, ed è associato alla patente A

  • il KB è richiesto per la guida di taxi, autovetture e motoveicoli (oltre 1,3 t) da noleggio con conducente, ed è associato alla patente B

Informazioni generali

  • Quando i veicoli viaggiano senza passeggeri o senza svolgere il servizio professionale il conducente non è obbligato ad avere il CAP

  • Vale il principio del contenimento: il KB "contiene" il KA, ovvero chi ha il KB può guidare anche veicoli per cui si richiede il KA

  • Il CAP vale nel momento in cui è valida la patente, se la patente scade di validità anche il CAP associato non è più valido

Rilascio e rinnovo

Il CAP viene rilasciato a seguito di un esame teorico in forma orale presso le sedi UMC. Deve essere rinnovato ogni 5 anni attraverso una visita medica.

Torna Su

III'15